Spacciavano Kobrett, scarto di eroina. Per quattro pusher sono scattati i ferri ai polsi.

Spacciavano Kobrett, scarto di eroina. Per quattro pusher sono scattati i ferri ai polsi.

sapccio_kobrettSant’Antimo – Scarti di eroina nell’area a nord di Napoli. Sequestro di kobrett in due comuni all’ombra del Vesuvio. Due pusher sono stati sorpresi a Sant’Antimo mentre erano intenti alla propria attività di spaccio, e sono stati tratti in arresto dai carabinieri della locale tenenza. In piazza Santo Spirito i militari dell’Arma hanno tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti Alessandro Chianese 38enne volto già noto alle forze dell’ordine residente in via Enrico De Nicola e Benedetto Marzocchella 32enne anch’egli voto già noto alle forze dell’ordine, residente in via  Giordano Bruno. I due sono stati colti mentre passavano delle dosi di stupefacente ad alcuni acquirenti. A quel punto i militarsi dell’Arma i sono identificati e li hanno bloccati, e nel corso della perquisizione personale gli uomini della Benemerita hanno rinvenuto nelle tasche di Chianese quattro dosi di kobrett e 50 euro in contante, mentre in possesso di Marzocchella hanno rinvenuto due dosi di kobrett e 30 euro in banconote. A Caivano invece sempre i militari dell’Arma hanno tratto in arresto Gennaro Oliviero 19enne, residente nel “Parco Verde” e Alfonso De Rosa 30 anni, residente nel Rione Iacp, entrambi già noti alle forze dell’ordine. I due sono stati sorpresi mentre erano intenti a spacciare nel Parco Verde. I carabinieri si sono insospettiti da strani movimenti, poiché De Rosa faceva il palo, mentre Oliviero era intento alla vendita. Gli uomini dell’Arma sono riusciti a bloccarli, e ad identificare anche gli acquirenti che avevano appena acquistato due dosi di kobrett. Per tutti e quattro gli arrestati si sono spalancate le porte del carcere di Poggioreale.

                                                                                       Giovanna Scarano

Lascia il tuo commento