LITIGA COL MARITO E CERCA DI SUICIDARSI

LITIGA COL MARITO E CERCA DI SUICIDARSI

Casandrino (NA): Mamma di due bambini non regge all’ennesimo e futile litigio. Cerca di buttarsi giù da un cavalcavia. 

comune-casandrinoCasandrino – L’ennesimo litigio di coppia e  finisce sul cavalcavia con l’intento di buttarsi giù e farla finita. E’ successo a Casandrino, comune a nord di Napoli. Lei M.I. 39enne sposata con G. S. 40enne entrambi del posto titolari di un negozio di frutta e verdura in via Borsellino a Casandrino. La 39enne  a seguito dell’ennesimo litigo avvenuto col marito, presa da un raptus di follia è andata sul cavalcavia di via Filippo Turati convinta di buttarsi giù e di farla finita.  Un momento di debolezza, accecata dalla rabbia ha visto in quel gesto l’unica soluzione ai suoi problemi. Anche se la coppia non ha confermato, alcuni parenti hanno dichiarato ai carabinieri che da qualche tempo i due litigavano spesso. I dissidi erano causati dai caratteri opposti dei due. Lui pervaso da una morbosa gelosia nei confronti della moglie, lei invece una donna molto solare e socievole. L’ennesimo litigio e lei, seppur mamma di due bambini; non ha retto e si è diretta sul cavalcavia. A quel punto un passante ha notato la donna in evidente stato di agitazione, intenzionata a buttarsi giù. Immediatamente ha allertato i carabinieri ed i medici del 118, che l’hanno dissuasa a compiere il folle gesto e l’hanno trasportata al nosocomio frattese dove è stata visitata da uno psicologo. Ritenuta dal medico sana di mente ma solo vittima di un raptus, la donna è tornata a casa dalla sua famiglia. Un gesto dettato dall’esasperazione, probabilmente dai continui litigi e dai vari problemi a cui era sottoposta.

                                                                                                                       Giovanna Scarano

Lascia il tuo commento