Afragola operazione Alto Impatto, sequestrati immobili abusivi e animali. Arrestate due persone

Afragola operazione Alto Impatto, sequestrati immobili abusivi e animali. Arrestate due persone
Una parte del materiale sequestrato
Una parte del materiale sequestrato

Afragola – Sequestri e controlli senza sosta nel rione Salicelle di Afragola, continua l’operazione “Alto Impatto” messa in campo dai carabinieri della compagnia di Casoria. Nel corso dell’operazione sono stati perquisiti edifici e sono stati controllati pregiudicati e personaggi ritenuti vicini ad ambienti malavitosi. Nelle prime fasi dell’intervento sono state arrestate due persone, una per evasione dagli arresti domiciliari e l’altra su ordine di carcerazione. Sono state sequestrate due cappelle realizzate abusivamente da persone finora sconosciute, come ex voto alla “Madonna dell’Arco”. Le luci di entrambe le cappelle erano alimentate energia elettrica prelevata dai cavi della pubblica illuminazione. Poco distante gli uomini dell’Arma hanno scoperto ed abbattuto una sorta di sala ritrovo costruita con tubi e teli di iuta, all’interno sono stati ritrovato televisori e sedie. Anche in questo caso si usava energia elettrica rubata dall’illuminazione pubblica. E’ stato sequestrato un appartamento di circa 200 mq perché realizzato abusivamente, usufruendo anche di spazi condominiali. Le due donne che vi abitano sono state denunciate per abuso edilizio e furto di energia elettrica: anche loro usavano energia elettrica rubata alla collettività. Su un’area di circa 2.000 metri quadrati e’ stato scoperto un locale realizzato abusivamente, utilizzato  per tenervi vari animali. All’interno sono stati trovati 10 galline, 6 capre e 6 pastori tedeschi tenuti in cattive condizioni igienico sanitarie nonchè 4 cavalli e 4 puledri, trovati parte all’esterno e parte all’interno, vicino a un calessino e materiale dopante. Gli animali sono stati sequestrati con il supporto di tecnici dell’asl, mentre il titolare dell’insolita attività e’ stato denunciato per abuso edilizio, maltrattamento di animali e detenzione illecita di materiale dopante.
Poiché si sospetta che i cavalli erano utilizzati in corse clandestine,  saranno sottoposti a controlli per accertare con sicurezza se sono stati “trattati” con sostanze dopanti per renderli più resistenti e veloci.

                                                                                               Giovanna Scarano

Lascia il tuo commento