Casavatore, avevano messo a segno tre rapine in una sola mattina. Presi i malviventi dello scooter bianco

Casavatore, avevano messo a segno tre rapine in una sola mattina. Presi i malviventi dello scooter bianco

Casavatore (NA) – Tre rapine in una sola mattinata, tutte hanno avuto come protagonisti due giovani ed uno scooter bianco. Indizi che  messi insieme hanno portato gli investigatori ad arrivare ai malviventi fino ad arrestarli. Si tratta di G. M.  25enne residente a Corso Secondigliano già noto alle forze dell’ordine e S. N. 18enne, di Secondigliano, incensurato. I due sono stati sottoposti dai carabinieri della stazione di Casavatore a fermo d’indiziato di delitto per rapina plurima aggravata in concorso. La mattina dello scorso 30 Ottobre, sono state perpetrare tre rapine tutte a mano armata in vari esercizi commerciali a Casavatore. Grazie anche ai sistemi di videosorveglianza, sebbene i rapinatori avessero il volto coperto; è stato possibile individuare il mezzo utilizzato, ossia lo scooter bianco e individuare il duo come responsabili delle rapine. Il primo colpo è stato messo a segno in una tabaccheria sita in via Marconi dove, stando a quanto si evince dai filmati e da quanto raccontato dalle vittime, un malvivente è giunto a volto coperto  ed armato di pistola ha intimato la consegna dell’incasso ma poichè in cassa non vi era denaro si è impossessato di alcuni pacchetti di sigarette per un importo di 50 euro; allontanandosi poi in sella d uno scooter bianco guidato da un complice. Il secondo colpo è stato messo a segno in un bar in via Locatelli dove due malviventi con volto coperto, di cui uno armato di pistola, hanno fatto irruzione e dopo essersi fatti consegnare la somma di 180 euro sono fuggiti in sella allo scooter bianco. Il terzo colpo sempre in una tabaccheria in via San Pietro, dove è stato messo in scena lo stesso copione. Un malvivente con volto coperto ed armato di pistola si è fatto consegnare l’incasso e quanto il proprietario aveva con se. Dopo aver razziato la somma di 800 euro è scappato in sella ad uno scooter bianco guidato da un complice. Per il duetto di malviventi si sono spalancate così le porte del carcere di Poggioreale. 

 

Giovanna Scarano

Lascia il tuo commento