Castellammare di Stabia, assalto al portavalori. Vigilanti feriti e bottino di 300 mila euro. Arrestati i cinque responsabili

Castellammare di Stabia, assalto al portavalori. Vigilanti feriti e bottino di 300 mila euro. Arrestati i cinque responsabili

Castellammare di Stabia (NA) – Questa mattina i carabinieri della Compagnia di Castellammare di Stabia, unitamente ai colleghi del posto, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP di Torre Annunziata, su richiesta della Procura, nei confronti di cinque persone perchè ritenute responsabili di concorso in rapina aggravata, lesioni personali, porto e detenzione illegale di armi e ricettazione. Nel corso delle indagini si è scoperto che le cinque persone, tre pregiudicati e due incensurate, lo scorso 12 maggio hanno messo a  segno una rapina ad un portavalori intento a rifornire gli sportelli del bancomat del Banco di Napoli, razziando la somma di 300.000 euro. E’ stato accertato che il gruppo di malviventi prima di compiere la rapina, aveva effettuato diversi sopralluoghi nei giorni precedenti, inoltre un mese prima di mettere a segno il colpo avevano rubato una vettura nel quartiere Stella di Napoli, utilizzata per arrivare sul posto, abbandonata poi a Poggioreale. Difatti, secondo quanto ricostruito, anche dalle telecamere di video sorveglianza, il gruppo di fuoco, aveva organizzato tutto nei minimi particolari. Pur di essere certi di compiere il colpo, i cinque rubarono un’altra vettura nel comune di Mugnano per posizionarla vicino allo sportello del bancomat per impedire al portavalori di assumere la posizione prevista per effettuare l’operazione in totale sicurezza. Non solo, un componente della banda giunse sul posto con un suo furgone, occultando le insegne pubblicitarie, e posizionandosi in modo da impedire la visuale alle guardie giurate impegnate nel vicino nosocomio. Così giunti sul posto, al momento del colpo, per garantire la riuscita ferirono le guardie giurate intente a versare il denaro nel bancomat; ma ingaggiarono anche un conflitto a fuoco con quelle operanti presso l’ospedale accorse udendo gli spari, ed anche loro ferite dai malviventi per guadagnarsi la fuga. Nel corso delle indagini i cinque sono stati intercettati mentre cercavano di organizzare, con pedinamenti e sopralluoghi, un altro colpo ad un portavalori. Tutti gli arrestati sono stati tradotti presso la casa circondariale di Poggioreale. 

Redazione

Lascia il tuo commento