Caserta, torna a gestire l’azienda sequestrata grazie ad un prestanome. Sigilli all’ateliere Tony’s Fur

Caserta, torna a gestire l’azienda sequestrata grazie ad un prestanome. Sigilli all’ateliere Tony’s Fur

Caserta – Già sottoposto nel 2016 allo stesso provvedimento, stamane gli uomini della Guardia di finanza hanno posto nuovamente i sigilli all’Atelier Tony’s Fur sito a Santa Maria a Vico in via Nazionale Appia, bloccando ogni attività e sequestrando l’intero patrimonio aziendale. I sigilli sono stati apposti su ordine del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere – Sezione Misure di Prevenzione – in quanto la gestione dell’impresa, operante nel settore della vendita al dettaglio di abiti da cerimonia, è risultata ancora – di fatto – nelle mani del pluripreguidicato  Antonio Carfora, già destinatario lo scorso anno di una misura di prevenzione patrimoniale per la quale gli sono stati sequestrati beni per oltre 3 milioni di euro, tra cui appunto l’atelier. In quell’occasione il lussuoso atelier, una volta sequestrato, è stato affidato ad un amministratore giudiziario che lo ha ceduto in gestione a privati, anche per garantirne la continuità commerciale. Ma dal monitoraggio degli affidamenti dei beni già sottoposti a sequestro disposto dalla stessa Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, le Fiamme Gialle di Marcianise hanno accertato che lo stesso Carfora, con una società intestata ad un prestanome, era tornato a gestire di fatto l’atelier, eludendo il provvedimento di prevenzione applicato nei suoi confronti. Eseguiti quindi tutti gli approfondimenti del caso, è stato ora disposto il sequestro dell’atelier Tony’s Fur con tutto il complesso di beni e merci ivi presenti e delle connesse disponibilità finanziarie, nonché della società utilizzata strumentalmente dal Carfora per riappropriarsi della gestione aziendale. Tra i beni sequestrati oltre 100 abiti da sposa e oltre 400 abiti da cerimonia, per un valore commerciale complessivo stimato in oltre 700.000 euro. L’operazione odierna testimonia l’attenzione dell’Autorità Giudiziaria e degli Organi di polizia affinchè i beni sequestrati alla criminalità tornino ad operare secondo rigidi canoni di legalità e che, soprattutto, non rientrino nella disponibilità, anche solo indiretta, degli stessi soggetti a cui, con grandi sforzi investigativi, sono stati sottratti.

Redazione

Lascia il tuo commento