Grumo Nevano, rissa tra giovanissimi e Polizia Locale. Cittadini esasperati dagli schiamazzi.

Grumo Nevano, rissa tra giovanissimi e Polizia Locale. Cittadini esasperati dagli schiamazzi.

Grumo Nevano (Na) – Mentre tutti erano nella Basilica di San Tammaro per festeggiare l’arrivo del nuovo parroco Don Carmine Spada, nel piazzale Pasquale Miele, il parcheggio antistante il locale comando di Polizia Municipale, due vigili si sono scontrati con un folto numero di ragazzi. Domenica sera pare che tutto sia nato da dei reclami dei residenti, che da diverso tempo lamentano la presenza rumorosa dei ragazzi, quasi tutti minori, che quotidianamente e sopratutto nel fine settimana, affollano il piazzale. Scorrazzano in lungo e largo con ciclomotori e macchine, facendo schiamazzi fino a tarda notte. Motivi per cui i cittadini si sono rivolti più volte ai caschi bianchi il cui comando è proprio lì dove si trovano i ragazzi, sperando di poter trovare una soluzione al problema. Domenica sera non è andata così come speravano, poiché al richiamo fatto dagli agenti della Municipale i giovani hanno risposto con disinteresse, che ha scatenato una serie di comportamenti dettati dall’esasperazione. Difatti, secondo quanto raccontato dai ragazzi, pare che gli agenti abbiano chiesto loro i documenti per identificarli, ed al loro rifiuto gli agenti li avrebbero presi con forza e portato alcuni di loro nel comando, tra cui due ragazze. A quel punto, stando sempre alle dichiarazioni fatte dai ragazzini, pare che un agente abbia addirittura picchiato alcuni minori, i quali a loro volta avrebbero reagito allo stesso modo. La situazione è subito degenerata, poiché al momento dell’accaduto erano presenti solo due agenti a far fronte a circa una cinquantina di giovani, i quali con grida e spintoni, chiedevano la liberazione dei compagni portati all’interno del comando. Dopo qualche minuto è giunta una pattuglia di carabinieri, i quali sono riusciti a riportare la situazione alla normalità, identificando anche alcuni ragazzi.. Nonostante l’accaduto, i giovani continuano a riunirsi nel piazzale, lamentando strutture ricreative da poter frequentare, e un posto migliore dove potersi incontrare.

Giovanna Scarano