L’affare Covid-19: il nuovo business della camorra. Ruotolo in Questura

L’affare Covid-19: il nuovo business della camorra. Ruotolo in Questura

Napoli – Come annunciato il senatore Sandro Ruotolo (Gruppo misto) in compagnia di Luigi Cuomo, presidente nazionale della rete antiracket ‘Sos Impresa’, e di Fabio Giuliani, referente regionale di Libera in Campania, si è recato nel pomeriggio di ieri presso gli uffici della Questura di Napoli per segnalare una serie di notizie di cui è venuto a conoscenza e inerenti attività illegali, cresciute a dismisura per la crisi del Covid-19, in alcuni quartieri delle periferie della città. “Ho voluto incontrare gli investigatori – dichiara Ruotolo – per fornire elementi di cui sono venuto a conoscenza con la speranza di dare un contributo affinché si possano sviluppare approfondite indagini“.

Dopo aver incontrato il questore di Napoli Alessandro Giuliano, Ruotolo  è stato ascoltato a sommarie informazioni testimoniali negli uffici della Squadra mobile di Napoli su alcuni episodi circostanziati che si verificano in alcuni quartieri e rioni di Napoli. Il senatore Ruotolo, si è soffermato sul fenomeno del credito criminale e sui prestiti a usura. In particolare il parlamentare ha riferito l’intervista di un parroco nella trasmissione ‘Sono le Venti’ di Peter Gomez andata in onda, lunedì 4 maggio, su canale Nove, nella quale il religioso affermava : “La gente è disperata, vivono tutti lavorando in nero, si sono fatti dare chi 50 euro, chi 100 euro. Chi non può restituirli dovrà sempre pagare e cosi non si libererà mai. Se denunci, te ne devi andare, scappare”. “Lo Stato deve arrivare nei territori e rispondere ai bisogni prima della camorra – spiega Ruotolo – per i clan il Covid-19 diventa una grande occasione di consenso sociale, d’investimento e d’infiltrarsi nel tessuto produttivo-economico come lo fu il terremoto del 23 novembre del 1980”. “Ho voluto incontrare gli investigatori – conclude Ruotolo – per fornire elementi di cui sono venuto a conoscenza con la speranza di dare un contributo affinché si possano sviluppare approfondite indagini”.

Redazione