Truffe agli anziani; ecco i consigli dei carabinieri

Truffe agli anziani; ecco i consigli dei carabinieri

Napoli – Sul fenomeno truffe agli anziani e’ fortissima l’attenzione posta dai carabinieri in tutta la provincia di Napoli e caserta 
Proprio nei giorni scorsi a Torre del Greco, nella parrocchia SS Crocifisso, e a Castellammare di Stabia, nella Parrocchia del Carmine, i carabinieri, con l’aiuto dei parroci, hanno riunito centinaia di anziani illustrando le cautele da adottare per evitare di essere truffati, dando indicazioni sul comportamento da tenere e fornendo riferimenti e contatti a cui rivolgersi in caso di necessita’. In particolare i militari hanno intrattenuto gli anziani descrivendo i tipi di truffa piu’ disparati. Chi si finge telefonicamente parente e manda il corriere; chi si finge avvocato, medico e propone prestazioni professionali; finti operatori di societa’ che fornirsono servizi; finti operatori delle ff.pp.; ecc;
I carabinieri spiegano che spesso i truffatori trovano il modo di avere notizie, che fanno un vero e proprio studio di ogni singola situazione per ottenere il massimo della credibilità spiegando in maniera particolare l’importanza del chiedere subito aiuto a vicini o parenti, oppure rivolgersi al centralino delle forze dell’ordine per avere riscontri in caso di situazioni che appaiono anomale.

Ecco in sintesi i consigli dei militari:

Non aprire la porta di casa a sconosciuti, anche se vestono l’uniforme o si presentano come dipendenti di aziende di pubblica utilità. Nessun Ente manda personale a casa per il pagamento delle bollette, per rimborsi o per sostituire banconote false date erroneamente.  E’ opportuno, con una telefonata, chiedere conferma all’azienda cui dicono di appartenere per verificare se siano stati mandati da loro. Naturalmente non farsi dare da loro stessi il numero di telefono poiché potrebbero indicare quello di un complice. Se non si ricevono rassicurazioni non aprire per nessun motivo. Per qualunque problema chiamare il 112.

Quando si effettuano  operazioni di prelievo o versamento in banca o in un ufficio postale, farsi accompagnare. E’ preferibile non prelevare nei giorni in cui vengono pagate le pensioni o in quelli di scadenze generalizzate. Durante il tragitto di andata e ritorno dalla banca o dall’ufficio postale, con i soldi in tasca, non fermarsi con sconosciuti e non farsi distrarre. Quando utilizzate il bancomatusare prudenza: evitare di operare se osservati.

Consigli per i figli, nipoti e parenti stretti

Non lasciare soli gli anziani e farsi sentire più volte al giorno. Interessarsi ai loro problemi quotidiani. Ricordare loro di evitare di fermarsi a parlare con sconosciuti e comunque di adottare ogni cautela necessaria. Far loro capire che, in presenza del minimo dubbio, è importante chiedere aiuto anche al vicino di casa e comunque per ogni evenienza contattare il 112.

Consigli per i vicini di casa

Se nel vostro palazzo abitano anziani soli, scambiare con loro quattro chiacchiere e fare avvertire la vostra presenza e disponibilità. La vostra cordialità li farà sentire meno soli e la vostra presenza li renderà più sicuri. Segnalate al 112 ogni circostanza anomala o sospetta che coinvolgano anziani che abitano alla porta accanto.  

Redazione

Post Comment