Grumo Nevano, settimana della danza presso l’Accademia Danza Partenopea. Full immersion di tecnica ed esperienza con professionisti di fama internazionale. Guarda le foto

Grumo Nevano, settimana della danza presso l’Accademia Danza Partenopea. Full immersion di tecnica ed esperienza con professionisti di fama internazionale. Guarda le foto

Grumo Nevano (NA)La danza è una disciplina che richiede tanto lavoro e molta fatica, differentemente a quanto si possa pensare, è un mondo in continua evoluzione. E questa evoluzione, avviene solo se si ha la possibilità di potersi confrontare con dei veri ballerini professionisti. Questa grande opportunità è stata data a tutti gli allievi dell’Accademia Danza Partenopea, e non solo; che hanno avuto modo di poter partecipare attivamente alla Settimana della Danza. Un percorso formativo di studio e approfondimento , una full immersion di tecnica ed esperienza con lezioni e stage giornalieri tenuti da professionisti di fama internazionale. Ad aprire le danze è stato Gabriele Esposito, vincitore del programma Amici di Maria De Filippi, e già insegnante presso l’Accademia Danza Contemporanea, con un approfondimento di Contemporaneo. Dopo di lui si sono succeduti Attilio Ruoppoli per il Classico Accademico, Enzo Padulano con Modern e contaminazione, Alessia Del Gaudio con Hip Hop e Video dance, Armando Segreto con repertorio classico e passo a due, Roberto Arabiano e Santino Muto entrambi docenti presso l’Accademia rispettivamente di recitazione e canto. Un momento altamente formativo reso possibile grazie alla disponibilità, ma anche alla passione ed all’amore che Fiore Iavarone, direttore artistico ed insegnante supervisore, ha per il proprio lavoro e per i ragazzi. “Sono molto felice di far parte di questo progetto ideato da Fiore – ha dichiarato Gabriele Esposito – in particolare sono felice  che abbia pensato di invitarmi. In momenti come questi, l’aspetto più bello è che i ragazzi sono stimolati da artisti diversi, e cimentandosi anche in diverse discipline hanno modo di rendere più importante il loro bagaglio culturale. Tutto ciò – prosegue il maestro Esposito –  li aiuta nella crescita non solo lavorativa rendendoli artisti completi, ma li forma come persone perchè devono interagire con i loro compagni facendo sì che tra di loro si crei un feeling. Questo aspetto è importante poichè  si da valore al rapporto umano, cosa che oggi si è persa” conclude.

Giovanna Scarano