Napoli, truffa dello specchietto in via Tasso. Individuata ed arrestata una coppia della provincia partenopea. Misero a segno il colpo in presenza della figlia di soli 3 anni

Napoli, truffa dello specchietto in via Tasso. Individuata ed arrestata una coppia della provincia partenopea. Misero a segno il colpo in presenza della figlia di soli 3 anni

Napoli –  Sono stati identificati dagli agenti del Commissariato di Polizia “S. Ferdinando” i responsabili della truffa dello specchietto che, nella notte di sabato, hanno tentato di estorcere del denaro ad una coppia di fidanzati in Via Tasso. La Polizia, infatti, in tarda serata di sabato scorso, è intervenuta presso il pronto soccorso di un ospedale cittadino dove era giunta ferita una coppia di fidanzati. Gli agenti accertarono che le vittime, a bordo della propria auto, erano state avvicinate da un’autovettura Smart For Two, a bordo della quale vi era un uomo, due donne ed una bambina di circa 3 anni. L’uomo che era alla guida della Smart, si era accostato con l’auto a quella della coppia di fidanzati, asserendo di aver subito danni allo specchietto retrovisore. La vittima, pur non essendosi reso conto di alcun urto, si è mostrato disponibile nello scambio di generalità, al fine della compilazione del C.I.D. ma, alla sua richiesta dei documenti, è stato aggredito con pugni e schiaffi dal 30enne che, nell’occasione, lo ha minacciato con un coltello estratto dal giubbotto che indossava. Il 30enne, infatti, pretendeva di essere subito risarcito del danno subito e, quando la fidanzata della vittima è scesa dall’auto per tentare di sedare gli animiè stata anche lei aggredita da una delle donne. I due malcapitati sono riusciti a risalire nella loro auto, fuggendo in direzione dell’ospedale dove hanno denunciato alla Polizia quanto avvenuto. Gli agenti del Commissariato di Polizia “S. Ferdinando”, grazie ai minuziosi dettagli forniti dalle vittime, tra cui il numero di targa della Smart For Two, che era rimasto ben impresso nella mente, hanno avviato subito le indagini che, nella giornata di ieri, hanno portato all’identificazione di C.C. di 27 anni e A.G. di 30anni, entrambi con precedenti di polizia e residenti a Casalnuovo di Napoli. I poliziotti, inoltre, hanno accertato che i due, un tempo legati da una relazione sentimentale dalla quale era nata una figlia, presente in auto nella notte di sabato, pur abitando in abitazioni diverse; avevano conservato buoni rapporti tanto da escogitare insieme il tentativo di estorsione ai danni di automobilisti. La coppia, riconosciuta senza ombra di dubbio, è stata sottoposta a fermo perché responsabile del reato in concorso tra loro di tentata estorsione aggravata. Il 30enne, in più, risponderà anche del reato di porto abusivo di coltello, rinvenuto nel corso di perquisizione domiciliare. Entrambi i fermati, all’arrivo della polizia, hanno tentato come ultimo espediente quello di fingere di non essere in casa, ma sono stati scoperti. Il 30enne è stato condotto alla Casa Circondariale di Poggioreale, mentre la 27enne, che nel mese di Gennaio scorso si è resa responsabile di un fatto analogo è stata sottoposta al regime degli arresti domiciliari, proprio in virtù del fatto d’essere madre di una bambina di tenera età. 

Giovanna Scarano

Lascia il tuo commento