Sant’Antimo, controlli a tappeto dei caschi bianchi. Violazioni edilizie e sequestrati manufatti abusivi

Sant’Antimo, controlli a tappeto dei caschi bianchi. Violazioni edilizie e sequestrati manufatti abusivi

Sant’Antimo (NA) – Nell’ambito del controllo del territorio finalizzato all’individuazione dei responsabili di condotte illecite, soprattutto a seguito di segnalazioni di abbandono di alcuni rifiuti, gli agenti della polizia municipale si sono recati nella zona di via Vergara, adiacente la stazione Ferroviaria, dove hanno notato un uomo abbandonare dei rifiuti, ragion per cui è stato sanzionato in violazione delle norme a tutela dell’ambiente. Nel proseguire i controlli, è stata notata un’area dove un uomo, ben nascosto tra le piante, stava realizzando una copertura di un manufatto con delle lamiere. Il sito, che insiste in un terreno di circa  cinquecento metri quadri, ha insospettito gli agenti che hanno fatto accesso all’interno e identificato i responsabili. Accertato il mancato possesso delle autorizzazioni urbanistiche, e lo smaltimento degli inerti edili, a cui viene posta particolare attenzione, in tema di terra dei fuochi; è scattato quindi il sequestro dell’area con rapporto trasmesso all’Autorità Giudiziaria che lo ha convalidato ed il responsabile è stato denunciato. Condotta diversa, invece, ma sempre in materia edilizia, ha riguardato anche altro immobile, stavolta collocato in via Roma, dove il proprietario, già denunciato dai caschi bianchi diretti dal Comandante, Maggiore Biagio Chiariello, ha violato i sigilli cercando di proseguire le opere,  ma è stato tempestivamente bloccato. A questi è stata contestata la violazione dell’articolo 349 del codice penale e sequestrato l’immobile, provvedimento anche questo convalidato dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli Nord. I controlli sono proseguiti su tutto il territorio dove sono stati sanzionati altri due soggetti per occupazioni abusive di suolo pubblico e con ripristino dello stato dei luoghi,  il tutto ai sensi e per gli effetti dell’articolo 20 del codice della strada e rapporto inviato al Settore Suap per l’imposizione fiscale dei tributi dovuti, il tutto nell’ambito dei poteri conferiti alla polizia municipale per la verifica dell’evasione fiscale locale.

Redazione